Count Giacomo Leopardi

(29 June 1798 – 14 June 1837 / Rencanati)

L'Infinito - Poem by Count Giacomo Leopardi

Sempre caro mi fu quest'ermo colle
E questa siepe che da tanta parte
De'l ultimo orrizonte il guarde esclude.
Ma sedendo e mirando interminati
Spazi di la da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete,
Io nel pensier mi fingo, ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando; e mi sovvien l'eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e'l suon di lei. Cosi tra questa
Immensita s'annega il pensier mio:
E'l naufragar m'e dolce in questo mare.


Comments about L'Infinito by Count Giacomo Leopardi

There is no comment submitted by members..



Read this poem in other languages

This poem has not been translated into any other language yet.

I would like to translate this poem »

word flags

What do you think this poem is about?



Poem Submitted: Thursday, January 1, 2004

Poem Edited: Tuesday, January 3, 2012


[Hata Bildir]